USB versioni e differenze, quali sono.

Iniziamo a spiegare cosa si intende con il termine USB. Successivamente, vedremo USB versioni e differenze. Cosa ne dite? Meglio partire dall’inizio, no?

Tanto per iniziare, USB è un acronimo e sta per Universal Serial Bus. E viene indicata con il simbolo . Ad oggi, sappiamo tutti che con lo standard USB abbiamo sostituito le ormai obsolete e più lente interfacce di comunicazione seriale e parallele.

Si parla ormai di svariati anni fa quando la prima USB è stata lanciata sul mercato con i primi iMac. Esattamente nel 1998 veniamo inondati sul mercato dalle famose versioni USB 1.1 e poco prima dalla precedente versione USB 1.0. La ricordate? I più giovani sicuramente no, ma chi ha qualche anno in più probabilmente si.

USB versioni e differenze.

Con il passare degli anni abbiamo assistito ad un innalzamento vertiginoso non solo della velocità di trasferimento ma soprattutto nella possibilità di collegare periferiche di diverso tipo.

Si va quindi dalle USB 1.0 e USB 1.1 alle odierne versioni USB 3.1. Quest’ultime a loro volta si differenziano in USB 3.1 Gen 1 e USB 3.1 Gen 2. Senza parlare del nuovo connettore USB-C e della ormai famosa THUNDERBOLT3. Consiglio un salto sull’articolo specifico per capire la differenza tra una USB 3.1 e THUNDERBOLT3.

Ma andiamo con ordine e specifichiamo meglio le varianti ad oggi disponibili partendo dalle meno recenti.

USB versioni e differenze

La prima versione che comparve sul mercato fu la versione USB 1.0 che raggiungeva se non in rari casi, la velocità di 1,5 Mbps. Introdotta nel lontano 1996, aveva un grande difetto: la lunghezza del cavo. Poteva arrivare ad un massimo di 3 metri e veniva utilizzata per lo più nei collegamenti di tastiera e mouse.

La seconda versione, ovvero la USB 1.1 raggiungeva la velocità dichiarata di 12 Mbps e una lunghezza del cavo di 5 metri. Introdotta nel 1998 fu la prima ad essere utilizzata ovunque.

Ed eccoci alla prima e importante svolta nello sviluppo della USB. La seconda versione USB 2.0, introdotta nell’anno 2000. Velocità di 480 Mbps, dotata di mini connettori A e B e migliorata con l’implementazione della tecnologia OTG ( per USB OTG si intende un qualsiasi dispositivo capace di agire come host (ad esempio un cellulare), di comunicare con periferiche USB come HDD esterni, chiavette o pendrive, tastiere, mouse o joypad attraverso un cavo con interfaccia USB ). Poco dopo la versione in questione viene dotata anche della tecnologia MHL ( in pratica si riesce a trasmettere audio video dai dispositivi mobili alle tv di ultima generazione. L’MHL sfrutta un connettore micro USB per trasmettere video ad alta risoluzione e audio fino a 7.1 canali ).

Terza versione

Siamo arrivati finalmente alla terza versione. La USB 3.0 Super-Speed, con una velocità dichiarata di 4.8 Mbps viene lanciata sul mercato negli anni 2009/2010. Forse ne avete una a casa ed è riconoscibile dal colore blu del suo supporto interno. E se è quella, sicuramente avrà la sigla SS vicino al simbolo USB .

USB versioni e differenze

Quarta versione

Ed eccoci al 2013, anno in cui si materializza la quarta versione, ovvero la USB 3.1.! In grado di raggiungere la velocità dichiarata di 10 Gbps, questa versione viene divisa in USB 3.1 Gen 1 e USB Gen 2.

La versione USB 3.1 Gen 1 sarebbe la vecchia versione USB 3.0, in pratica la stessa velocità di 5 Gbps. La USB 3.1 Gen. 2 è quella che invece arriva a 10 Gbps.

Cos’ha di tanto particolare la USB 3.1.? Ha la caratteristica di poter ricaricare diversi dispositivi. Vi sono infatti 5 diversi profili in base alla loro capacità di ricarica. L’ultima di queste, la quinta per l’esattezza, ha le seguenti peculiarità: 5 V a 2,0 A (10 W), 12 V, 20 V a 5 A (60 W, 100 W). E’ in grado infatti di ricaricare un notebook e diverse altre periferiche.

USB VERSIONI E DIFFERENZE

Connettori Type A e Type C – USB versioni e differenze

Ne abbiamo già parlato in questo articolo (Differenza tra Thunderbolt3 e USB-C) del connettore Type-C e della Thunderbolt3.

Consiglio di farci un giro per approfondire meglio la questione. Qui invece spiegherò la differenza con le altre versioni USB che hanno i connettori tradizionali.

Nel 2014 viene lanciato sul mercato un nuovo tipo di connettore. Il tipo C, la cui forma ovale e la totale reversibilità (è possibile inserire il cavo da entrambi i lati) ne rendono unico l’aspetto e immediatamente riconoscibile. Oltre a questo, può essere utilizzato sia per la trasmissione dati che per effettuare una semplice ricarica dei dispositivi.

USB versioni e differenze
A new USB-C PD charger cord for an Apple MacBook Pro laptop.

Anche Thunderbolt3 utilizza lo stesso tipo di porta USB Type C, ma la velocità di trasmissione è 4 volte più veloce. Si parla di 40 Gbps. Al tempo stesso,

Questo cosa ci fa capire? Che potremmo avere più porte USB Type C ma con diverse funzioni supportate. Ad es. potremmo avere una porta USB Type C che non arriva ad avere una velocità di trasferimento di 10 Gbps, ma solo a quella di 5 Gbps. Quindi, invece di una USB 3.1 Gen 2, avremmo una porta equivalente ad una USB 3.1 Gen 1.

Ecco un’immagine es. Come potrete capire facilmente, sulla sinistra una porta Type C gen. 2 a 10 Gbps di velocità.Nel mezzo 2 porte USB Type A

Notate i connettori Type C (forma ovale) e i connettori Type A (colore blu)

USB 3.2

Avete visto nell’immagine poco sopra la descrizione delle porte? Probabilmente vi aspettavate di leggere 3.1 invece di 3.2. Non c’è nessuna confusione. Hanno deciso di considerare come nuovo standard di partenza di una nuova generazione le USB 3.2 che raggrupperà le USB 3.0 e 3.1 Gen 1 sotto il nome di USB 3.2 Gen 1, mentre sotto il nome di USB 3.2 Gen 2 le USB 3.1 Gen 2. Niente di complicato.

USB 4

Sarà sul mercato intorno al 2020, utilizzerà le specifiche proprie di una Thunderbolt3 arrivando così ad una velocità di 40 Gbps con connettore Type C. Non tocca che aspettare.

Riepilogo USB versioni e differenze

USB type C indica solo un formato fisico, ossia il tipo di connettore. Non corrisponde sempre a USB 3.1, ma può essere che vi ritroviate una Type C con funzioni da USB 3.0, o USB 3.1 Gen 1. Quindi attenzione.

USB 3.1 indica la capacità della porta. Ma va verificato di quale capacità si tratta. Quindi se volete il massimo, chiedete di una USB 3.2 Type C Gen 2 Thunderbolt. Vi consiglio di nuovo di dare un piccolo sguardo all’articolo specifico, per capire bene la differenza tra una Thunderbolt3 e USB Type C Gen 2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.