Ricostruzione unghie acrilico o gel? Qual’è la differenza?

Ricostruzione unghie, acrilico o gel? Qual è la differenza?

Ricostruzione unghie acrilico o gel? Ho voglia di una manicure, ma cosa è meglio? Gel o Acrilico? Quale dura più a lungo tra le due applicazioni? Quale quella più naturale?  Quante volte queste domande hanno assillato i vostri pensieri? Quanti dubbi o ripensamenti ?

Vediamo di rispondere ai vostri dubbi, cercando di porre l’attenzione sulle caratteristiche di entrambi le applicazioni.

Un piccolo ma non meno importante appunto: le tecniche di ricostruzione delle unghie sono diverse: ACRILICO, GEL, ACRYGEL e POLYGEL e Copertura Semi-Permanente. 

In questo articolo vedremo soltanto la differenza tra ACRILICO e GEL.

Prima di tutto diciamo che sono due tecniche diverse e che si distinguono per tipologia di lavoro e unghia da trattare.

Ricostruzione unghie, acrilico o gel?

Ricostruzione unghie, acrilico o gel?

Differenze di composizione 

L’acrilico ed il gel sono più o meno la stessa cosa, ma la loro applicazione e lavorazione è un tantino diversa. E’ per il differente modo di formare le diverse miscele che il prodotto finale si differenzia. Il gel si polimerizza attraverso l’esposizione ai raggi UV, infatti una volta steso il gel sull’unghia e fatto asciugare in lampada, il prodotto è stabile e finito. Diciamo che la miscela è già pronta fin dall’inizio.

L’acrilico invece si forma dall’unione di una polvere di polimeri acrilici e un liquido di monomeri. In questo caso il prodotto non è preconfezionato! E’ l’estetista che nel momento in cui lavora, prelevando il liquido, attiva la polvere e va a formare il prodotto, che asciugandosi all’aria si polimerizza.

Sia il Gel che l’Acrilico fanno parte della stessa famiglia chimica..se parliamo di Gel parliamo di Oligomeri Acrilici..e se parliamo di Acrilico..parliamo di Polimeri acrilici..quindi quando si dice che un metodo è piu tossico dell’altro..o si sente dire che il gel è più salutare dell’Acrilico …beh…ve lo dico sinceramente …sono tutte fesserie…!!!

La differenza non sta quindi nella composizione chimica, ma sta nel modo in cui le due sostanze vengono prodotte, lavorate e utilizzate.

 

Smalto acrilico

L’acrilico (come il gel) viene utilizzato spesso nelle ricostruzioni, ma applicato comunemente anche su unghie naturale. Deve essere applicato con molta precisione ed è la tecnica più difficile, dato che bisogna creare il giusto composto mentre si lavora.

Come nel gel, si crea una leggera bombatura e i tempi di “catalizzazione” sono veloci e senza l’ausilio di lampada UV. Infatti questo prodotto non viene polimerizzato in lampada uv, ma si asciuga all’aria.

L’acrilico ha un’ottima tenuta nel tempo e può essere eseguito il refill dopo circa 2 o 3 settimane dall’ultima applicazione. Per rimuoverlo si ricorre alla famosissima limatura, ma può anche essere utilizzata una soluzione di acetone per facilitarne la rimozione (quest’ultima soluzione di difficile applicazione in verità).

La sua consistenza è stabile-medio/dura e quando l’acrilico si indurisce, fornisce una base perfetta per applicare il colore alle unghie.

Le unghie sono molto più resistenti e difficilmente si scheggiano. Caratteristica che si rivela utile per chi ha problemi di onicofagia o lavorando molto con le mani metterebbe le unghie a dura prova.

L’applicazione di Acrilico di solito è più costosa rispetto al gel per unghie. Basta dare un’occhiata ai prezzi sul mercato della materia prima utilizzata per la lavorazione dell’Acrilico. Se confrontati con i prodotti in Gel non c’è paragone. Quest’ultimi sensibilmente più bassi. Tocca scoprire il perché in Italia si preferisca il Gel all’Acrilico pur essendo quest’ultima superiore in qualità e durata nel tempo. Forse perché più difficile da maneggiare? Forse perché i prodotti Acrilici hanno un costo di 3 o 4 volte superiore ai prodotti in Gel? A voi la risposta.

Gli acrilici tendono ad essere meno naturali delle unghie trattate con il gel. E’ quindi importante che l’operatrice applichi il prodotto nel modo corretto in modo che risulti un lavoro finale il più naturale possibile.

Alle donne incinte è consigliato non utilizzare gli acrilici durante la gravidanza poiché vengono utilizzati prodotti chimici che sprigionano microbiche particelle. FALSO. Se i prodotti utilizzati sono di qualità, non c’è alcun rischio. Abbiamo già detto che entrambi, Acrilico e Gel,  fanno parte della stessa famiglia chimica.

 

Ricostruzione unghie, acrilico o gel?

Gel

Il Gel è Inodore a differenza dell’acrilico che risulta pungente e poco sopportabile.

Facile da applicare e modellare soprattutto per chi non è esperto e non ha molta esperienza. Infatti si ha il pieno controllo della forma fino a quando il prodotto non viene catalizzato in lampada.

Già pronto per essere utilizzato, mentre l’acrilico necessita di un passaggio ulteriore, dato che va creato il composto.

Le unghie si rivelano più morbide e flessibili. Tempi di indurimento più veloci.

Dura meno rispetto all’Acrilico e richie l’uso della luce UV.

Se un’unghia si rompe difficilmente riusciresti a risolvere il problema da sola. Servirà quasi sicuramente l’intervento della tua estetista.

Ricostruzione unghie acrilico o gel

Tenendo a mente quanto letto, potrete effettuare una scelta più serena. Considerate bene i pro e i contro delle due tecniche e magari provatele entrambi. Una componente soggettiva risulterà anch’essa decisiva nella scelta dell’acrilico o del gel. Se decidete il fai da te, ricordate che sarebbe altrettanto utile in fase di limatura utilizzare un aspiratore per unghie. Utilizzato da tutti i centri estetici al fine di aspirare completamente tutta la polvere prodotta dalla fresatura del gel.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.