Memoria Ram e Rom differenza

Differenza tra memoria Ram e Rom

Oggi analizzeremo da vicino 2 importantissimi componenti dei nostri PC. Vedremo cosa sono memoria Ram e Rom e qual’è la differenza tra le due. A volte possono essere confusi per via del nome simile che condividono, ma hanno funzioni completamente diverse l’una dall’altra.

Mentre la memoria Ram è un tipo di memoria Volatile, la ma memoria Rom è un tipo di memoria di sola Lettura. Ma vediamo nel dettaglio le due memorie.

 

Cos’è la memoria Ram

Memoria Ram e Rom si differenziano per via di alcune funzioni totalmente differenti l’una dall’altra. In questo paragrafo parleremo nello specifico della Ram e le sue funzioni principali.

Abbiamo detto che la Ram è un tipo di memoria Volatile, e l’acronimo sta per Random Access Memory.! Ovvero, Memoria ad accesso casuale, alle dirette dipendenze della CPU  e disponibile a qualunque tipo di elaborazione. 

Il termine Volatile, significa che quando la Ram non viene alimentata, essa si svuota di ogni informazione precedentemente immagazzinata. Questo vuol dire che quando passiamo allo spegnimento del nostro PC, e in modo automatico, viene cancellato tutto quanto era stato fino ad allora memorizzato dalla stessa Ram.

 

A cosa serve la memoria Ram

La Ram ha il principale e importantissimo compito di immagazzinare il più velocemente possibile tutte quelle informazioni e dati, che servono alla CPU per dare l’avvio a programmi, processi, comandi e tutto ciò che viene chiesto alla CPU.

Ovviamente, vi starete chiedendo perché non chiedere queste caricare queste informazioni direttamente dall’Hard Disk. Il motivo risiede nei tempi di caricamento, molto più lunghi, che si avrebbero se fosse lo stesso Hard Disk a fornire le informazioni richieste dalla CPU.

Quindi, il compito principale che ha la memoria Ram è quello di richiamare e immagazzinare i dati presenti nell’Hard Disk e inviarli alla stessa CPU nel momento in cui vengono richiesti. CPU e Ram hanno quasi la stessa quasi gli stessi tempi di prestazione.

Maggiore sarà la quantità di informazioni che la memoria Ram memorizzare temporaneamente, e più veloce sarà il nostro PC.

 

Tipi di memoria Ram

Esistono 2 tipi di memoria RamSRAM (Static-Random Access Memory) e memoria DRAM (Dynamic-Random Access Memory).

1 – SRAM: Sono un tipo di memoria molto veloce, ma hanno il difetto di costare anche tanto per via dei componenti di cui sono composti. Dotate di una elevatissima capacità di conduzione, vengono utilizzate per realizzare la memoria Cache, visto che la capacità, alquanto scarsa, di immagazzinamento è nell’ordine dei Megabyte.

2 – DRAM: In questo caso, i materiali utilizzati sono meno costosi ma abbiamo una capacità di memorizzazione certamente più alta, nell’ordine dei Gigabyte.  Il rovescio della medaglia è rappresentato da una velocità di accesso decisamente inferiore.

E’ questo il tipo di Ram che a noi interessa, e come abbiamo detto nei paragrafi precedenti, aumentarne la capacità di memorizzazione significa aumentare la velocità del nostro PC. Sempre che anche il nostro processore o CPU sia altrettanto veloce, ovvero abbia le stesse caratteristiche di velocità della Ram. Tradotto, una Frequenza di Clock” alta della CPU: significa avere un determinato numero di operazioni che possono essere svolte nell’unità di tempo. Ti consiglio di dare un’occhiata al post specifico sulla Frequenza di Clock, cliccando sulla frase evidenziata in rosso.

Infatti, una “Frequenza di Clock” bassa della CPU rispetto al numero di operazioni da compiere, significa intasare la memoria Ram e rallentare tutto il sistema fino al blocco dello stesso.

Al contrario, potremmo avere una “Frequenza di Clock” alta della CPU ma una “Frequenza di lavoro” bassa della stessa Ram. Per “Frequenza di lavoro” intendiamo la velocità di accesso della CPU alla Ram, o possiamo anche dire, la velocità con cui la stessa Ram invia i dati alla CPU.!

 

Frequenza di lavoro della Ram

Abbiamo capito cos’è la “Frequenza di lavoro” di una memoria Ram. Ovvero, la Velocità di Comunicazione tra la stessa Ram e la CPU. Questo indice di velocità è indicato dalla sigla DDRDouble Data Rate !

DDR è in pratica lo standard che al momento viene più utilizzato per questo genere di memoria. Nello specifico possiamo avere diverse tipologie di DDR in base allo stesso indice di velocità:

1 – Ram DDR: frequenze comprese tra i 200 MHZ e 400 MHZ, con una gestione di banda che da 1.6 GB/s (single channel) a 6.4 GB/s (Dual channel)

2 – Ram DDR2: frequenze comprese tra i 400 MHZ e 1066 MHZ, con una gestione di banda che da 3.2 GB/s (single channel) a 17 GB/s (Dual channel)

3 – Ram DDR3: frequenze comprese tra i 800 MHZ e 2133 MHZ, con una gestione di banda che da 6.4 GB/s (single channel) a 38.4 GB/s (Triple channel)

4 – Ram DDR4: frequenze comprese tra i 1600 MHZ e 3200 MHZ, con una gestione di banda che da 12.8 GB/s (single channel) a 60 GB/s

 

La differenza tra Single Channel e Dual Channel sta nel raddoppiare la “velocità di trasferimento dei dati” dalla Ram al Chipset (parte logica) della Scheda Madre nella stessa unità di tempo! In pratica viene moltiplicata la banda passante.! Il numero di moduli Ram utilizzati determinano quale Channel viene utilizzato.

Ad esempio: se abbiamo installato 1, 3 o 5 moduli Ram DDR o DDR2 avremo un Single Channel, se abbiamo installato 2,4,6, o 8 moduli Ram da semplice DDR al DDR4 avremo il Dual Channel….etc..!

 

SO-DIMM e DIMM

Due tipi di Ram che si differenziano per via delle dimensioni e l’utilizzo. Nello specifico, le Ram SO-DIMM sono le Ram per Computer portatili, mentre le DIMM per PC Desktop.

Quindi le SO-DIMM sono più piccole perché destinate ad essere montate su schede di dimensioni ridotte. Non vi sono ulteriori differenze in quanto a DDR o altro.

Memoria Ram e Rom

 

 

Cos’è la memoria Rom

Abbiamo accennato nel primo paragrafo (differenza tra memoria Ram e Rom) che la memoria Rom è un tipo di Memoria di Sola Lettura. Non è volatile, e significa che i dati in esso contenuti una vola memorizzati non possono essere modificati durante il normale funzionamento del sistema su cui è montata la memoria Rom.

Ma, possono essere modificati, solo in fase di progettazione e costruzione, o al massimo i dati in esso contenuti possono essere aggiornati durante il funzionamento del componente stesso.

All’interno della memoria Rom, viene inserito un Microcodice, ovvero una serie di istruzioni macchina basilari al funzionamento di tutto il sistema.

Questo tipo di memoria è stato realizzato e progettato per avere al suo interno e distribuire Firmware, Bios, Driver, Programmi e Utility assolutamente necessari all’avvio di un sistema. In pratica, contengono le più importanti istruzioni per l’avvio dello stesso processore, delle schede di espansione, periferiche della motherboard come ad esempio la scheda video, l’hard disk, etc…!

Programmi presenti in memoria Rom: Bios ( programma che controlla le interfacce di entrata-uscita principali del sistema), bootstrap loader (programma che carica il sistema operativo in memoria (RAM) e lo lancia), Setup CMOS (è la schermata che ritroviamo all’accensione del computer e che ci consente di modificare le impostazioni del sistema BIOS), Power-On Self Test (programma che parte in automatico all’avvio del sistema e che consente di fare un test del sistema).!

La Rom rispetto alla Ram ha un tempo di caricamento/accesso inferiore, parliamo di 150ns contro i 10ns della SDRAM..! Per SDRAM intendiamo tutte le memorie Ram di tipo DDR..!

 

Tipi di Rom

1 – MROM: E’ la prima tipologia di ROM realizzata allo stato solido realizzata. I dati vengono scritti nella ROM (detta ache a a maschera) nella sua fase di costruzione. Richiedeva notevoli costi di produzione dovuti alla progettazione delle maschere. Tecnologia ormai obsoleta.

2 – PROM: E’ un tipologia di Rom programmable ed è ovviamente una evoluzione della ROM dai costi di produzione ridotti. Può essere scritta dall’utente dopo la sua costruzione tramite un’apparecchiatura speciale, ma una volta scritta non può più essere riscritta.

3 – EPROM: Naturale evoluzione della PROM. Può essere scritta e riscritta dall’utente dopo la sua costruzione.

4 – EEPROM: Evoluzione della EPROM. Può essere scritta e riscritta dall’utente dopo la sua costruzione.

5 – EAROM: Una variante della EEPROM. La sua caratteristica distintiva è che può essere modificata un bit alla volta invece che a blocchi di bit come nelle altre EEPROM.

6 – FLASH ROM: E’ una memoria Flash, chiamata FLASH ROM quando utilizzata come ROM. La memoria Flash è una tipologia di EEPROM che per le sue prestazioni è usata, non solo come ROM ma anche come memoria di Massa.

 

Abbiamo visto quali sono le differenze principali tra la Memoria Ram e Rom, in cosa consiste questa differenza e a cosa servono. Spero che la mini guida si sia rivelata utile.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.